La FIAS al NauticSud 2017

2017 02 30 nauticsud

Per la prima volta la Federazione Italiana Attività Subacquee è presente al Nauticsud, il più importante salone internazionale della Nautica per il sud Italia che si tiene a Napoli alla Mostra d'oltremare. In un'area di circa 30 mila metri quadri sono esposte più di 400 imbarcazioni di brand italiani e stranieri. Il pubblico e gli espositori provengono da tutte le parti d'Italia e dai principali paesi europei e i numeri confermano il riconoscimento, da parte del diporto, di Napoli, come città di Mare e Madrina della Nautica Internazionale.

La FIAS, grazie alla Sezione Territoriale di Napoli, è riuscita ad avere uno stand tutto suo, dove l'obiettivo principale è stato quello della diffusione del nostro "credo" subacqueo verso gli spettatori della mostra. Nei primi giorni parliamo di più di 15.000 presenze, numero che è destinato ad aumentare e di molto. Difatti i Saloni hanno aperto il 18 febbraio e chiuderanno domenica 26, nove giorni insomma di incontri ad alto livello con unico tema il mare in tutte le sue forme.
Il Presidente della Sezione Territoriale di Napoli, Gigi Matarazzo, presente all'inaugurazione dello stand, non ha nascosto l'entusiasmo e la gioia di aver inserito la nostra Federazione in questo importante palcoscenico internazionale. Il messaggio che proviene dai subacquei è quello di battersi per una condivisione del mare con il pieno rispetto ambientale e in assoluta sicurezza.

I soci che si sono avvicendati e che si avvicenderanno in questi giorni allo stand, stanno trasmettendo l'amore con cui la nostra Federazione si accosta alle profondità marine, il rispetto dell'ambiente che ci circonda e la sicurezza delle nostre procedure. Simpatici anche gli slogan che sono stati utilizzati nello stand che sono l'effetto di questi messaggi ma non disdegnano di ricordare l'amore che i napoletani hanno per il mare, primo fra tutti "Chi inquina è una mappina" (chi inquina è, letteralmente, uno straccio sporco, uno straccio, insomma, che serve solo per pulire lo sporco). Le persone che si sono avvicinate al nostro stand sono rimaste affascinate dalla foga dei nostri discorsi e molti si sono iscritti per una prova in piscina.

2017 02 30 nauticsud 2

Ci siamo anche confrontati con i subacquei della Polizia di Stato, della Marina Militare e del soccorso (ricerca e recupero) dell'Aeronautica Militare che hanno gli stand vicino a quello nostro e lo scambio di idee è stato proficuo ed importante. Al nostro stand inoltre sono state invitate le Sezioni Territoriali di Caserta e Roma, vista la vicinanza geografica.

L'attività si inserisce in contesto più grande su cui sta lavorando la Sezione Territoriale di Napoli, il rilancio dell'attività subacquea in una città come Napoli dove si può dire che è nata come disciplina. Il termine sommozzatore nasce da "sommozzare" che in lingua napoletana significa tuffarsi in profondità. Da tempo vi è stato non solo un rilancio della nostra Federazione nell'area, i numeri dei soci sono triplicati, ma anche un deciso avvicinamento alle Autorità cittadine che nel prossimo futuro sarà la base di tante iniziative.