Continente Blu - Anno 01 - Nr 01 - Gennaio 2017

2017 03 01 continenteblu

Eccoci di nuovo, la storia di Continente Blu continua. Il numero zero risale all'Aprile del 1991, nasce come quadrimestrale della Sezione Provinciale Fias di Varese, dal gennaio 1994 diventa l'organo ufficiale della Fias Nazionale, poi continua con fasi alterne fino al numero 55.

Il formato cartaceo ha un costo che diventa via via insostenibile anche perché ormai pochissimi investono nella pubblicità sulle riviste e i costi di spedizioni triplicano e non possiamo più permetterci di distribuirlo gratuitamente. L'ultimo numero viene distribuito all'Eudi lo scorso anno, poi arriva la proposta di Emanuele che ci crede e vuole far rivivere Continente Blu in una forma nuova, un formato digitale. Coinvolge tutte le strutture Fias affinché trasmettano le loro esperienze e le mettano a disposizione di tutto il mondo Fias e dopo un anno di duro lavoro ecco il risultato. Dopo 16 anni torna un nuovo numero 0, ricco di articoli, interviste, una copertina stupenda dedicata ad un grande della subacquea italiana, racconti, e partecipazione.

Questo è il risultato sperato, la partecipazione di tantissime realtà Fias che, forse per la prima volta, hanno voluto farsi vedere e far sapere come vivono, come operano, cosa fanno. E salta fuori un mondo stupendo, realtà che, senza questa iniziativa, sarebbero rimaste nascoste ognuna nel proprio ambito, nel proprio giardino, da Ivrea a Napoli da Bolzano a Lecce si scopre che ognuno ha qualcosa da raccontare, qualcosa che prima teneva per sé o si limitava a divulgare nel proprio territorio.

E questa è la Fias che mi rende orgoglioso, la Fias che rappresenta lo spirito per cui è nata, con la voglia di trasmettere esperienze, di insegnare la subacquea, di accompagnare i propri allievi per mano fino alla completa autonomia, di fare gruppo. La Fias che risponde alle chiamate del proprio Paese quando le viene chiesto e tutto lo fa sempre nel rispetto, in sicurezza e con tanto tanto Amore.

Un grazie a Emanuele Esentato per l'impegno e la caparbietà con cui ha portato avanti questo progetto e a tutti i collaboratori che hanno voluto contribuire alla riuscita di questa "impresa".

Bruno Galli